Interviews

ATTENTI AI LADY REAPER! by MetalRock

ATTENTI AI LADY REAPER! by MetalRock

Lady Reaper

novembre 16th, 2016

No comments

lady reaper band 2016 header

LOGO-LADY REAPER

LADY REAPER: INTERVISTA ALLA BAND “ASTRO NASCENTE” DEL METAL MADE IN ITALY •

I Lady Reaper, quintetto heavy metal romano, sono una band dalle immense capacità e dalle molteplici sfaccettature. Ad un anno dall’uscita del primo album, in quest’intervista, cercheremo di capire passato e futuro della band e, magari, di farvi conoscere qualche novità o progetto.

Ciao ragazzi e grazie di averci concesso quest’intervista. Come va?
Splendidamente… splendidamente. Potrebbe forse andare diversamente a cinque studenti? Si, siamo sarcastici! Ci troviamo sommersi da scadenze personali, esami e compiti e in tutto questo suonare potrebbe quasi sembrare difficoltoso… sbagliato! Suonare acquista sempre più senso in mezzo agli impegni di tutti i giorni, stiamo lavorando per voi… lo show deve ancora iniziare!

I Lady Reaper sono, senza dubbio, una delle migliori band di Heavy Metal del panorama nazionale. Siete, senza alcun dubbio, originali, interessanti da ascoltare e molto divertenti da vedere live. Come vi sentite ad esservi meritati questo posto di enorme interesse nel panorama musicale?
Più che nazionali ci viene da dire “di quartiere” o “di rione” (ridono). Suoniamo a Roma da decisamente poco e siamo contentissimi di avere un riscontro positivo da parte del pubblico. Ci siamo accorti che nella capitale il nome è arrivato a qualcuno (povero lui) e fa sempre molto piacere riconoscersi con colleghi e pubblico. Siamo solo all’inizio del nostro percorso e, statene certi, non ci fermeremo fino ad arrivare al sovracitato (scherzosamente) panorama nazionale… e oltre! Siamo stati bollati come scalmanati-fuori di testa animali da spettacolo, quelli che entrano dalla finestrella del bagno del locale e salgono di prepotenza sul palco, esattamente! Questo tipo di considerazioni ci stimolano a continuare per questa strada e, chissà, forse anche a scrivere qualcosa in merito alla nostra presunta “follia”.

Cosa ci potrete dire dei prossimi concerti? Ne avete alcuni nella capitale, ma anche tappe “fuori sede”. Avrete i Demon all’Exenzia di Prato, Gus G al Planet e concluderete il 29 aprile al Sinister Noise con Skull Jack e Livio Della Gala, sarà la vostra prima data da headliner in assoluto? Come vi sentite riguardo questa posizione?
Headliner! Headliner! …in poche parole dobbiamo portare batteria, combo e testate! Argh! Scherzi a parte, siamo davvero felici di queste serate autorganizzate con il nostro adorato “FullMoon”. Abbiamo creato una vera e propria famiglia (in cui si ride, si scherza, si fanno cose serie, si litiga pure e ci si riappacifica come le vere famiglie) con i ragazzi della cosidetta FullMoonArmy. Organizziamo da soli le serate e, a quanto pare, vanno da paura! L’ultima al Felt è stata enorme! Un sacco di persone ed un ambiente davvero stupendo. L’ultima volta abbiamo offerto birra tutti i presenti con il ricavato, stavolta chissà! Ci rivolgiamo ora agli Skull Jack e a Livietto Della Gala: ragazzi, continuiamo così! È un onore suonare con voi!

Ora parliamo di collaborazioni. Che ci potete dire riguardo alla vostra collaborazione con l’artista Umberto Stagni?
Zio Umby è tutto! Ci siamo innamorati di lui l’8 Marzo del 2014 quando, suonando con i Rain, abbiamo adocchiato il loro FENOMENALE comparto grafico. Comprato il CD (davvero spacca culi) ci siamo appuntati la firma che appariva dietro alla copertina e terminate le registrazioni del nostro primo album il nostro bassista “Gimi” esordì a delle prove con un “ma vi ricordate il disegnatore dei Rain?”. Non c’è stato bisogno di aggiungere altro! Lo abbiamo chiamato al telefono e “Oz” il singer ha iniziato la chiamata così: “Ti chiamo al telefono perché voglio sentire la tua voce, non amo parlare agli schermi, voglio che disegni la copertina del nostro primo album” ed è stato subito amore. Umberto ha la capacità di Ascoltare (con la A maiuscola) e di mettere le sue straordinarie doti a disposizione dei suoi amici (ormai non siamo più clienti). È una persona fantastica, seria e professionale; più di ogni altra cosa lui crede in ciò che fa! Lui crede davvero nei personaggi che disegna, nello stimolo visivo che appaga e nella musica del gruppo per cui lavora. È un artista, un artista vero! Andate a vedere i suoi meravigliosi lavori sul suo sito, rimarrete piacevolmente sorpresi.

Con Livio Della Gala avete collaborato e, da quanto ne sappiamo, continuate la collaborazione. Il vostro brano “Staring Through Another Room” è stato dichiarato “capolavoro” da diverse testate. Le vostre impressioni?
Si, beh abbiamo corrotto una webzine qua ed una là per meritarci quel “capolavoro”. Ahahah scherziamo, siamo molto contenti che sia piaciuta! Noi suoniamo nell’ottica in cui ogni proprio lavoro è un piccolo capolavoro, ogni pezzo al quale ci dedichiamo tutti insieme ha qualcosa di unico anche soltanto per noi. Suonare, fare musica, fare cultura meravigliandosi a volte delle “piccole scintille di meraviglioso” (cit.) è il massimo che possiamo chiedere.

Altre collaborazioni delle quali volete parlare?
Lavorare con Livietto e Valerio Cascone è stato davvero divertente. Costruire, poco alla volta, un brano così delicato e “fuori dai nostri canoni” è stata una magnifica esperienza che non avremmo mai potuto fare senza l’imput e la carica di Livietto. L’album “Gemini” in cui sta la fatidica S.T.A.R. è un’album di famiglia (proprio come quelli di foto). Ogni volta che lo riascoltiamo sentiamo i nostri amici e questo contribuisce a fare di noi una vera e propria famiglia. Livietto ci ha uniti tutti in un album che potrà piacere o non piacere, ma è il prodotto di una famiglia e di persone che se dovessero dimenticarsi gli uni degli altri avranno una musica che gli ricorderà cosa vuol dire la parola “amicizia”.

Torniamo a voi. Da tempo, durante i concerti e sulla vostra pagina Facebook, annunciate novità in arrivo, possiamo avere qualche anteprima?
Sì, ma piccola piccola! Abbiamo un progetto video quasi pronto per uscire e tra non troppo tempo sarà disponibile online; di più non possiamo rivelarvi!

Quando rientrerete in sala di registrazione? Saremo proprio curiosi di sentire dei nuovi brani.
I nuovi brani ci sono (pure troppi), ma prima di registrarli volevamo concentrarci bene sul sopracitato progetto! In poche parole, non abbiamo ancora idea di quando usciranno i nostri prossimi lavori.

Avete un po’ di timore per i prossimi lavori? L’LP Lady Reaper è piaciuto immensamente al 90% delle persone che lo hanno ascoltato, avete mai paura di non rispettare gli standard che ormai vi siete imposti?
Anche qui siamo in zona top-secret. Il nostro secondo lavoro non è dietro l’angolo, ma neanche distante come vogliamo far credere. Sarà un album strutturato e ragionato, non una raccolta di pezzi come il nostro ‘Lady Reaper’. Avrà una tematica, un filo conduttore a tenerlo in piedi… ci specchieremo in una nuoca concezione di Rock e Metal, non osiamo rivelarvi altro.

Grazie ragazzi! A presto!
Grazie davvero per l’intervista! Ci siamo divertiti molto a rispondervi! La nostra Reaper vi ama tutti tutti tutti!

.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *