livereviews

GRAVE DIGGER: UNA SALUTE DI… METALLO!

GRAVE DIGGER: UNA SALUTE DI… METALLO!

Lady Reaper

ottobre 12th, 2017

No comments

READ ALL

Tornano al Traffic di Roma i Grave Digger. La Erocks porta nuovamente sul palco del locale capitolino la storica band tedesca, pronta a “sotterrarci” con tonnellate di autentico metallo Made in Germany!

 

[…]

 

Lady Reaper
Nel frattempo il pubblico comincia ad affluire, ma era prevedibile visto il buon seguito che la band ora in arrivo, ha nella Città Eterna: tocca ai Lady Reaper.
Purtroppo qualche problemino tecnico ritarda la loro esibizione e i ragazzi poi si vedranno costretti a tagliare la scaletta.
Sfrontati, aria sbarazzina e irriverente, tra un sound che strizza l’occhio all’hard di vecchio stampo (Kiss e Sweet degli esordi, per intenderci), miscelato ai capisaldi del metal anni ’80, e qualche battuta divertente all’indirizzo del pubblico (e del sottoscritto), i Lady Reaper portano una ventata di freschezza all’interno del Traffic, facendo scatenare, soprattutto, la frangia più giovane dei loro fan che, su pezzi come “Methastasis” o “Frozen Revenge”, intonano cori a squarciagola, diretti dal gigionico Simone Oz con tanto di frac e bacchetta.
Tra balli e salti (compresi quelli che lo stesso Simone fa tuffandosi tra il pubblico), i Lady Reaper fanno divertire e si divertono a loro volta, creando una solida empatia con chi li segue, ed è proprio questo lo spirito giusto per affrontare il palco.
Se la tecnica non è il loro forte (ma d’altra parte niente e nessuno avrebbe potuto surclassare i Noveria in questa serata), l’immediatezza e la spontaneità fanno invece parte del loro bagaglio e, in ogni caso, di tempo per crescere e maturare, anche dal punto di vista prettamente strumentale, ne hanno, ma i frutti già si vedono.
Certo, l’importante è non buttarla in caciara come hanno fatto nella riproposizione finale di “In the Hall of the Mountain King “ di Grieg, ma tra la loro incontenibile esuberanza e la pressione dei tecnici tedeschi che premevano per far chiudere il loro set velocemente, per questa volta gliela facciamo passare. E poi avendoli visti crescere, un certo affetto per loro lo nutro anch’io e tra gli applausi che gli ha regalato il pubblico del Traffic, sappiatelo ragazzi, ci sono stati anche i miei.

Setlist:

  1. Methastasis
  2. Stop the Mops
  3. Catch the Moon
  4. Frozen Revenge
  5. Headless Ride

LADY REAPER lineup:

  • Simone Oz – Vocals
  • Stefano Jekyll – Guitar
  • Federico Red – Guitar
  • Gabriele Gimi – Bass
  • Berardo Bear – Drums

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *