voto 7.0
  • Band: LADY REAPER
  • Durata: 00:54:04
  • Disponibile dal: 27/04/2018
  • Etichetta: Valery Records
  • Distributore: Audioglobe

Heavy metal classico, ricercato e versatile con i romani Lady Reaper, band che ha debuttato nel 2015 con l’omonimo mini album e che ora ritorna in pista sotto l’etichetta italiana Valery Records con un lavoro, questo “Mise En Abyme”, ricco di vari elementi per nove brani che difficilmente annoieranno l’ascoltatore. Il disco è un concept incentrato sulla letteratura europea ottocentesca in cui ogni traccia va a toccare svariati temi omaggiando alcuni autori di quell’epoca. Il sound targato Lady Reaper è un mix tra Black Sabbath, Alice Cooper e Death SS, ma è talmente vario che è davvero difficile inquadrarlo in poche parole. Quel che è certo è che ad iniziare dall’intro “To The Abyss” ci si ritrova attorniati da atmosfere teatrali e cupe dove un ruolo fondamentale lo ricopre il cantato drammatico di Simone Oz. Ed è così che il classico heavy metal di “The Eternal Carnival” lascia spazio alle intriganti sonorità dark-progressive di “Abracadabra”, pezzo davvero notevole e fuori dagli schemi. Il gruppo non disdegna qualche passaggio sinfonico con, a tratti, dei veri e propri riferimenti alla musica classica. Se gli oltre sette minuti di “Buried In My Dreams” sono ricchi di cambi di tempo e ci avvolgono con sonorità inquiete ci pensa il ritmo calzante di “ Headless Ride”, con un approccio molto thrash metal, a chiudere il disco. Mise En Abyme” è un lavoro non facile e neppure immediato ma i Lady Reaper hanno avuto il coraggio di non porsi barriere e di andare alla ricerca di un sound molto personale, ed è anche per questo che vanno premiati.